Rifiuti e riciclo, a rischio gli obiettivi Ue al 2035

Rifiuti e riciclo, a rischio gli obiettivi Ue al 2035

“La transizione verso l’economia circolare sta tuttavia accelerando, sia nel trasformare l’industria del riciclo ‘storica’, sia spingendo l’innovazione e la convergenza tra settori diversi. La prima (dove l’Italia vanta posizioni da primato), si sta sempre più confrontando con le dinamiche dei mercati globali delle commodities, dove la volatilità di prezzi e volumi dei recovered material possono condizionare la sostenibilità economica del riciclo. D’altra parte, l’innovazione tecnologica e l’ingresso di nuovi player provenienti da business differenti, come la chimica e l’energia, stanno cambiando le regole del gioco, con una crescente convergenza tra comparti e la nascita di nuovi processi industriali e diversi segmenti dell’economia circolare”, conclude Marangoni.