“Io sono legale”, campagna d’informazione per una spesa consapevole

io-sono-legale

Prende il via la campagna “Io sono legale” promossa da Legambiente e RE.MA.Plast e realizzata grazie alla collaborazione con Novamont.

Una campagna contro l’uso di sacchetti monouso per la spesa illegali, per combattere l’illegalità, contrastare il marine litter e l’inquinamento. L’iniziativa mira ad informare correttamente i consumatori e renderli consapevoli dell’importanza di utilizzare sacchetti biodegradabili e compostabili conformi alla legge.

In Italia ancora il 50% dei sacchetti in circolare è illegale: vengono prodotte circa 40 mila tonnellate di plastica, una perdita per la filiera legale di 160 milioni di euro, 30 solo per evasione fiscale e 50 milioni di euro di aggravio dei costi di smaltimento dei rifiuti.

Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente, ricorda che “l’Italia è stato il primo paese dell’Unione Europea a mettere al bando i sacchetti di plastica con una legge innovativa e straordinaria approvata nel 2006 ed entrata in vigore cinque anni dopo. Una legge che ha consentito di ridurre il numero degli shopper usa e getta del 55%, ma purtroppo ancora è in parte disapplicata e il settore è diventato terreno d’azione anche delle ecomafie, che inquinano il mercato legale e impongono i loro prodotti in plastica tradizionale soprattutto negli esercizi commerciali al dettaglio o nei mercati rionali, con una nuova forma di pizzo”.

La campagna “Io sono legale” prevede degli info point nelle piazze e degli incontri con le scuole in Campania e in Veneto per spiegare a cittadini, studenti e commercianti l’importanza dell’uso dei sacchetti legali e fornire gli strumenti necessari per riconoscere gli shopper biodegradabili e compostabili conformi alla legge e dei pericoli derivanti dall’uso di quelli illegali.