RICERCA IPSOS: GLI ITALIANI APPREZZANO I BIOSHOPPER

marca-0037b

Mercoledì 18 gennaio 2017 è stata presentata a MARCA (la fiera internazionale sui prodotti a marca del distributore) la ricerca “Abitudini di spesa degli italiani presso le catene di distribuzione e atteggiamenti nei confronti delle bioplastiche” commissionata da Novamont a IPSOS Public Affairs.

Dalla ricerca è emerso che più del 92% degli italiani fa la spesa al supermercato con buste riutilizzabili e l’82% di essi valuta positivamente la legge che ha sancito il passaggio dai sacchetti di plastica tradizionale a quelli biodegradabili. Pari consenso per l’iniziativa di trasformare in biodegradabili i sacchetti del reparto ortofrutta a partire dal 2018: circa l’87% ritiene il provvedimento positiva conclusione del percorso iniziato nel 2011.

Gli italiani si dimostrano sensibili sul tema ambientale e vengono identificati in 3 segmenti: gli “entusiasti” (il 27%), gli “istituzionalisti” (il 42%) e i “disillusi” (il 31%).

I sacchetti di plastica, una volta finita la spesa,  conoscono utilizzi molteplici e non necessariamente appropriati. Vengono utilizzati principalmente per il contenitore dei rifiuti umidi e dei rifiuti residui. Seguiti dall’utilizzo per surgelare i cibi, per trasportare oggetti, per consevare gli avanzi di cibo in frigorifero o addirittura come “portabiancheria” quando si è in viaggio.

Secondo Alessandro Ferlito, responsabile commerciale di Novamont, “un dato emerge su tutti dalla ricerca: per il consumatore il sacchetto, sia esso per asporto merci che frutta/verdura oggi è, a tutti gli effetti, un servizio perché non esaurisce la sua funzionalità nel singolo gesto di trasporto e perché portatore di valori rispetto all’ambiente. Gli italiani sono pronti alla nuova direttiva ma chiedono più qualità e più informazione e la GDO, che da sempre è sensibile a questa domanda, saprà certamente rendersene interprete”.