Nuova ricerca Nielsen: la percezione italiana sulla salvaguardia del pianeta

Il 15 gennaio è stata presentata a Marca, il Salone internazionale dedicato ai prodotti a Marca del Distributore (MDD), la nuova ricerca realizzata da Nielsen in collaborazione con Novamont, riguardante la percezione della popolazione italiana relativamente alla salvaguardia del pianeta e al problema della plastica.

La ricerca, intitolata “Plastica: tra realtà e percepito nelle risposte degli italiani”, ha fatto emergere la predisposizione degli italiani all’impegno nei confronti del Pianeta, insieme all’aspettativa che le aziende si impegnino allo stesso modo.

Dall’analisi, infatti, è emerso che quasi la totalità degli italiani (il 92%) si dichiara d’accordo con il principio di mutuo impegno per cui ognuno dovrebbe adoperarsi al fine di ridurre la quantità dei rifiuti, i quali preoccupano l’87% di coloro che hanno risposto al sondaggio.

L’85% dei responsabili d’acquisto nostrani sostiene, inoltre, di acquistare orientandosi verso marche e prodotti che rispettano l’ambiente, nonostante questo significhi spendere un po’ di più. Il 75%, infatti, ritiene apprezzabile pagare maggiormente un prodotto solo perché è ambientalmente sostenibile o perché lo è la confezione che lo contiene (il 73%).

A ciò si aggiunge l’approfondimento sul tema del packaging e dell’utilizzo della plastica come componente degli imballaggi nel reparto alimentare, da cui si è riscontrata l’urgenza di diminuire l’utilizzo della plastica soprattutto in: acqua, bevande analcoliche, latte, yogurt, snack dolci e snack salati. Ed un ulteriore e interessante focus dedicato al comparto della carne -particolare sia per il peso dello sfuso nel largo consumo, sia per le implicazioni di sostenibilità legate al packaging – riguardo al quale l’88% dei consumatori ha affermato di considerare importante che l’imballaggio sia rispettoso dell’ambiente.

Da questa preziosa ricerca, secondo cui per gli italiani la preoccupazione per l’ambiente è al secondo posto – al primo c’è la disoccupazione -,  si evince che gli abitanti dello Stivale sono oramai consci del degrado ambientale, cui si somma la consapevolezza che la plastica non è il solo problema percepito. Tuttavia, i rispondenti sono anche consapevoli dell’esistenza di metodi di imballaggio e di distribuzione maggiormente sostenibili da impiegare nel settore, accettando anche un aumento dei prezzi ad essi collegati.

Per maggiori informazioni sulla ricerca condotta da Nielsen, leggi il comunicato stampa di Novamont cliccando qui.

Di seguito, alcuni scatti relativi all’incontro.