Telo per pacciamatura in Mater-Bi nella coltivazione del riso: Novamont premiata dalla Regione Piemonte

Lo scorso 6 settembre si è svolta la 31esima visita guidata di “Tecniche agronomiche sperimentali e prove varietali di riso” presso le aziende agricole di Bellinzago Novarese e di San Pietro Mosezzo a Novara.

Una giornata di confronto con i diversi attori della filiera del riso per approfondire le tematiche del settore e per verificare le tecniche di coltivazione innovative in risaia, quali ad esempio l’utilizzo del telo per pacciamatura biodegradabile in Mater-Bi.

Durante l’iniziativa Novamont è stata premiata dalla Regione Piemonte per la collaborazione tecnico-scientifica di ricerca e di laboratorio e per aver sostenuto la coltura risicola, la sua sperimentazione, la tutela dell’ambiente “risaia” e i prodotti tipici del territorio novarese.

Nel 2016 Novamont ha avviato una sperimentazione specifica di pacciamatura con il telo in bioplastica Mater-Bi per la coltivazione del riso. I dati agronomici hanno mostrato vantaggi legati alla tecnica sia in termini produttivi che di controllo delle infestanti.

L’adozione di film biodegradabili per la pacciamatura, infatti, sta diventando una nuova tecnica agronomica sempre più utilizzata nelle principali province risicole, raggiungendo nella stagione 2018 quasi 1000 ha.

L’evento è stato organizzato dalla Regione Piemonte – Direzione Agricoltura Sede di Novara, in collaborazione con l’Ente Nazionale Risi e con il contributo delle Organizzazioni Sindacali Agricole Novaresi (Confagricoltura, Coldiretti, Confederazione Italiana Agricoltori), della Fondazione Agraria Novarese, di Novamont, dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali delle province di Novara e del V.C.O., del Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati della provincia di Novara.