Una pausa caffè sostenibile con l’innovativo ImBio

Un bicchierino per i distributori automatici di caffè e di bevande calde termoresistente e compostabile, in conformità alla norma UNI EN 13432. È l’innovativa soluzione, in Mater-Bi, nata dalla collaborazione tra Novamont e IMB, azienda sannita di trasformazione di materiali plastici a ciclo continuo, in grado di soddisfare con efficacia le esigenze del mercato dal punto di vista qualitativo e quantitativo. 

Idoneo al contatto con sostanze alimentari e resistente fino a 70°C per due ore, il bicchierino ImBio può essere smaltito nella frazione organica e, avviato agli impianti industriali di compostaggio, diventare ottimo compost per le coltivazioni.

Questo bicchierino rappresenta un’alternativa sostenibile alle classiche stoviglie in plastica, riducendo sensibilmente la quantità di rifiuti indifferenziati generata dai sistemi vending. L’impiego di tale prodotto e di quelli ad esso affini consente di diminuire le emissioni dirette di CO2 e di dare un eccezionale contributo alla rigenerazione dei suoli.
Con il marchio MATER-BI, Novamont produce e commercializza un’ampia gamma di bioplastiche, biodegradabili e compostabili secondo lo standard europeo, realizzate grazie a tecnologie sviluppate nel settore degli amidi, delle cellulose, degli oli vegetali e delle loro combinazioni.

“D’ora in poi – afferma Andrea Di Stefano di Novamont – sorseggiare una bevanda calda alla macchinetta dell’ufficio in un bicchierino ImBio in bioplastica MATER-BI significherà non sprecare risorse, ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati e quanto ad essi correlato – conferimento in discarica, inquinamento del suolo e dell’aria, emissioni di gas a effetto serra – in favore del recupero di risorse che, una volta lavorate nel processo di compostaggio industriale,  si trasformeranno in humus, ottimo ammendante per combattere la desertificazione dei suoli, chiudendo così il cerchio della natura in cui nulla è rifiuto ma tutto torna ad essere risorsa”.